Storia

image

50 L’alba del boom economico.

CON LE CALDAIE FERROLI SI ACCENDE ANCHE L’EPOCA DELL’INDUSTRIA MODERNA. 

San Bonifacio, piccolo paese ad est di Verona, negli anni 50, gli stessi che segnano la nascita della ripresa economica e della comunità Europea, ma anche del rock ‘n roll che farà da colonna sonora di quel fenomeno che, insieme alle caldaie Ferroli, ha cambiato le nostre case: la televisione! Nel ’53, a pochi mesi dalla fondazione dell’Ente Nazionale Idrocarburi, i figli di Sante Ferroli iniziano un’attività straordinaria che trae origine da quella artigiana della lavorazione di ferro e rame. Non appena la metanizzazione arriva a S Bonifacio Dante, il pioniere di famiglia, si mette a disposizione per la manutenzione della rete gas del paese e converte la prima caldaia a legna in caldaia a gas, segnando la svolta per il suo territorio e non solo. Mentre il primo modello Ferroli viene esposto alla fiera di Milano, Dante ottiene dall’istituto case popolari la fornitura di caldaie per 500 alloggi a Verona!

image

60 La dolce vita

Mentre oltreoceano JFK diventa presidente degli USA, gli studiosi di tutto il mondo analizzano il miracolo italiano. Il boom economico si respira nell’aria, insieme ai primi fenomeni di massa e alle note dei Beatles che imperversano dai Juke Box. Nel 1961 insieme all’avventura nello spazio di Jurij Gagarin, inizia l’era industriale Ferroli. Sono dello stesso anno infatti l’attivazione dell’impianto di fonderia e l’internazionalizzazione della neo nata azienda. Poiché Dante Ferroli non si pone limiti, né confini, il signor Omens della AGPO torna in Olanda con due prototipi delle caldaie Ferroli e di lì a poco la società olandese diventa uno dei principali partner stranieri. Nel 1965 Ferroli decide di entrare anche nel mercato spagnolo, inaugurando a Burgos uno stabilimento per la produzione di caldaie e corpi radianti: la Ferroli Spagna diviene nei successivi decenni uno dei punti di riferimento dell’universo industriale del Gruppo.

image

70 Dalla febbre del sabato sera alla banca del caldo, primo slogan Ferroli.

Sono gli anni della discomusic e della Febbre del sabato sera, ma anche della contestazione, del conflitto in medio oriente, dello scandalo Usa Water gate e della fine della guerra del Vietnam. La Tv italiana inizia a trasmettere a colori. S. Bonifacio cresce: le case si sostituiscono sempre più alla campagna. Si sviluppa il commercio, ma sono anche gli anni della crisi energetica. Per Ferroli è un decennio importante che si apre con la prima pagina pubblicitaria, la trasformazione della società in S.p.A., l’apertura in Francia l’inaugurazione dello stabilimento di Alano, il raggiungimento di ben 500 dipendenti e il raddoppio della capacità produttiva. Costanti investimenti nelle fabbriche, apertura allo sviluppo tecnologico, consolidamento in tutta l’Europa occidentale confermano il genio imprenditoriale di Dante Ferrali che, ancora una volta anticipa il mercato e costruisce la prima caldaia murale in ghisa.

image

80 Giù i muri, su l’elettronica!

Gli anni 80 si aprono con la prima vera crisi nell’ambito del riscaldamento e si concludono con importanti cambiamenti storici, fra i quali le prime elezioni in Unione sovietica e il crollo del Muro di Berlino. Innovazione e automazione rivoluzionano il quadro industriale, introducendo il personal computer. L’industria riparte dalle macchine, dai microchip e prosegue con i primi robot inseriti in catena di montaggio. L’evoluzione permea anche la produzione Ferrali che vede l’introduzione di un’elettronica avanzata nelle caldaie murali. L’azienda procede poi con una razionalizzazione delle unità produttive e di tutta la rete commerciale. Per primi in Italia, i progettisti Ferroli mettono a punto una caldaia murale a gas con scambiatore in rame. L’azienda ricomincia così una forte ripresa che, complici investimenti lungimiranti, pone le basi per uno sviluppo importante verso l’Europa dell’Est.

image

90 Imprenditori italiani alla riscossa

Negli anni 90 si riunifica la Germania, nasce l’Unione Europea, esplode Internet e il vinile cede il posto ai Compact Disk. La forte spinta alla globalizzazione dei mercati favorisce una rapida crescita del modello capitalistico. Nel vero decennio degli imprenditori italiani è targato Ferroli il primo insediamento nell’ex Germania dell’Est. Con l’acquisizione di un’azienda di impiantistica per il riscaldamento nasce a Dresda la Ferroli Industry un’altra conferma del Gruppo Ferroli che si espande anche in Turchia, Romania e Polonia. Nel 1994 la Xignal di Ferroli è la migliore caldaia europea! Dotata di autodiagnosi interna, la caldaia sbaraglia la concorrenza inglese e francese. L’anno successivo, appena diventato Cavaliere del Lavoro, Dante Ferroli entra nel riscaldamento e condizionamento industriale. Nel 1998 il Gruppo approda in Internet e si conferma multinazionale del benessere e del comfort domestico.

image

2000 Nuovo millennio, nuove dimensioni

Il Gruppo aumenta a vista d’occhio grazie anche ad alcune acquisizioni, fra le quali l’olandese AGPO e il Guppo Lamborghini. Contemporaneamente, Il Cavaliere del Lavoro Dante Ferroli è prontissimo a cogliere l’occasione offerta dal mercato cinese: il primo stabilimento per la produzione di caldaie di potenza in acciaio è infatti datato 2001. Sarà seguito nel 2004 dall’acquisizione di una delle aziende cinesi leader degli scalda acqua elettrici. La produzione è diventata imponente! Dalle caldaie murali ai giganteschi generatori di vapore per uso industriale; dai bruciatori a gas e a gasolio ai corpi radianti; dai climatizzatori domestici ai grossi refrigeratori per comunità: la gamma dei prodotti Ferroli nasce in 11 stabilimenti di produzione in Italia, Germania, Spagna e Cina. Con 22 società distribuite in 9 stati, 2200 dipendenti, un fatturato stimato nel 2005 sui 550 milioni di euro: questi i numeri con cui Dante Ferroli taglia brillantemente il traguardo dei 50 anni dell’azienda.

image

IL FUTURO 
Inarrestabile come Ricerca e Innovazione.

Il gruppo Ferroli continua a riscaldare il mercato con l’innovazione tecnologica che ha contraddistinto i suoi primi 50 anni, tutti vissuti nel segno imprenditoriale di Dante Ferroli.
Nel 2016 è stata realizzata un’operazione straordinaria con l’ingresso nel Capitale Sociale del Fondo Trinity Investement Limited, con il supporto di OXI Capital Italia Srl.
Questa operazione ha consentito il rafforzamento patrimoniale del Gruppo Ferroli e ha portato le basi per il rilancio del Gruppo, al quale per dare maggior impulso è stato chiamato il Dott. Riccardo Garrè, manager di elevato standing, divenuto CEO di Ferroli S.p.a. nel febbraio del 2019.